Chi siamo

La Stazione Scientifica dell'Accademia Polacca delle Scienze a Roma è uno dei sei posti scientifici all'estero dell'Accademia Polacca delle Scienze. La data della sua istituzione è considerata il 1927, quando, a seguito di un accordo tra l'Accademia Polacca delle Arti e delle Scienze (PAU) di Cracovia e l'Arcivescovo Metropolita di Cracovia, furono affittate 12 stanze nell'Ospizio Romano presso la Chiesa di San Stanislao in via delle Botteghe Oscure, che servirono come base per l'istituzione della Stazione Scientifica PAU a Roma. 

L'idea stessa di creare un centro di ricerca polacco a Roma risale a tempi molto più remoti, al pontificato di Leone XIII, quando, dopo l'annuncio nel 1881 della decisione di aprire gli Archivi Vaticani segreti, studiosi di tutto il mondo, tra cui la Polonia, si recarono a Roma alla ricerca di fonti per la storia delle loro nazioni. 

La prima Expeditio Romana, guidata dal professor Stanisław Smolka, partì da Cracovia alla volta della Città Eterna già nel 1886. Due anni dopo nacque il progetto di istituire una "stazione scientifica polacca" a Roma. L'idea fu ripresa nel 1912 dal conte Józef Michałowski, storico e avvocato residente a Roma, che donò al PAU la sua preziosa collezione di libri. Nel 1921, una biblioteca di diverse migliaia di volumi fu consegnata all'Accademia e ospitata nei locali in affitto dell'Ospizio. Per anni e con grande impegno, Józef Michałowski si occupò della Biblioteca polacca a Roma e fu l'effettivo direttore della Stazione Scientifica (1927-1946), rifugio per le spedizioni della Expeditio Romana riprese nel 1922.  

Nel 1938 la stazione si trasferì nella sede attuale, il vicino Palazzo Dorian in Piazza Venezia, dove trovò locali confortevoli per la già considerevole collezione di libri e per le riunioni che vi si tenevano.

La Seconda guerra mondiale interruppe le attività della Stazione, e grazie ai suoi sforzi personali il conte Michałowski riuscì a depositare la collezione di libri nella Biblioteca Vaticana e a proteggerla dalla minaccia di requisizioni.
Dopo la guerra, in assenza di fonti di finanziamento, la gestione temporanea della collezione libraria fu affidata al Comitato del Tesoro provvisorio britannico per gli affari polacchi. La Polonia recuperò le collezioni e i beni salvati della Stazione Scientifica nel 1946; come conseguenza delle restrizioni imposte all'Accademia Polacca delle Arti e delle Scienze dalle nuove autorità statali, la Stazione Romana fu rilevata dalla neonata (1952) Accademia Polacca delle Scienze (PAN).

L'istituzione romana, il cui direttore nel dopoguerra fu Kazimierz Bulas (1947-1950), iniziò gradualmente a recuperare la sua posizione nella comunità scientifica romana e negli anni 1956-1984, sotto la direzione del professor Bronisław Biliński, sviluppò le sue attività in modo più ampio, intraprendendo una collaborazione che è continuata fino ad oggi con il Centro Nazionale delle Ricerche e l'Accademia Nazionale dei Lincei, oltre che con numerose università e istituti scientifici italiani. Dopo il professor Bilinski, la Stazione è stata guidata successivamente dai professori Tadeusz Roslanowski (1984-1988), Tadeusz Kaczorek (1988-1991), Krzysztof Żaboklicki (1992-2004), Elżbieta Jastrzębowska (2005-2009), Leszek Kuk (2009-2013) e Piotr Salwa (2014-2019). Dal 2022, il direttore della Stazione è Agnieszka Stefaniak-Hrycko.

Nel 1962 la Stazione è diventata membro dell'Unione Internazionale degli Istituti di Archeologia, Storia e Storia dell'Arte di Roma, che riunisce quasi 40 istituzioni scientifiche italiane e straniere. Il direttore della Stazione dal 1992 al 2005, il professor Krzysztof Żaboklicki, è stato eletto per due volte Presidente dell'Unione (mandato 1997-1999 e 1999-2001).

I testi ampliati di relazioni selezionate presentate alle conferenze tenute presso la Stazione hanno iniziato a essere stampati nella serie di pubblicazioni in lingua italiana Conferenze, avviata dal Prof. Bilinski, in cui sono stati pubblicati finora 146 articoli.

Ancora oggi, la Stazione Scientifica dell'Accademia Polacca delle Scienze di Roma è un importante accento polacco nella comunità accademica romana e un punto di riferimento per gli scienziati e i ricercatori residenti in Italia, in particolare a Roma.

Le attività odierne della Stazione Scientifica PAS di Roma sono definite dallo Statuto concesso con decisione del Presidente della PAS in cui si legge, tra l'altro:

II. Oggetto della stazione

§ 4

  1. La Stazione contribuisce allo sviluppo della cooperazione scientifica, in particolare nelle scienze umane e sociali, e dello scambio culturale tra la Repubblica di Polonia e la Repubblica Italiana, e collabora a questo proposito con l'Ambasciata della Repubblica di Polonia a Roma e l'Istituto Polacco di Roma, nonché con altre istituzioni scientifiche e culturali polacche e polacco-americane in Italia.
  2. I compiti della Stazione comprendono: la Stazione partecipa all'attuazione degli accordi di cooperazione tra l'Accademia delle Scienze polacca e altre istituzioni scientifiche polacche e italiane, e fornisce pareri su progetti riguardanti l'istituzione di tale cooperazione.
    1. divulgare i risultati della scienza polacca in Italia organizzando e co-organizzando conferenze, letture e lezioni, seminari e workshop, tavole rotonde, nonché mostre e altri eventi di carattere scientifico e divulgativo;
    2. fornire assistenza nei contatti tra gli accademici polacchi che vengono in Italia e le istituzioni scientifiche italiane, nonché agli accademici italiani nei loro contatti con le istituzioni e gli accademici polacchi;
    3. pubblicare newsletter o altre pubblicazioni scientifiche e mantenere un sito web per fornire informazioni sulle attività della Stazione.
  3. La stazione mantiene contatti costanti con gli scienziati italiani che sono membri stranieri dell'Accademia delle Scienze polacca.
  4. La stazione presenta conclusioni e proposte su nuove direzioni per lo sviluppo della cooperazione scientifica polacco-italiana.
  5. La Stazione fornisce informazioni e assistenza organizzativa ai ricercatori polacchi residenti in Italia nella realizzazione delle loro attività scientifiche.
  6. La Stazione mantiene contatti con organizzazioni scientifiche internazionali selezionate, soprattutto nel campo delle scienze umane e sociali, con sede in Italia - in base alle disposizioni degli organi dell'Accademia delle Scienze polacca e alla natura e specificità di tali organizzazioni.
  7. La stazione può svolgere attività di ricerca scientifica con particolare attenzione alle scienze storiche e archeologiche della regione mediterranea con la partecipazione di personale dipendente della stazione in possesso di laurea o titolo di studio.
  8. La stazione gestisce la Biblioteca Jozef Michalowski per le comunità scientifiche polacche e italiane.

(Statuto della Stazione scientifica dell'Accademia polacca delle scienze di Roma, decisione n. 29 del Presidente dell'Accademia polacca delle scienze dell'11 giugno 2012).